Il voto alla tua vita, assegnatelo da solo!

Sappiamo che amate le serie tv e siamo pronti a scommettere che avete visto Black Mirror!
Vi ricordate il primo episodio della terza stagione, Nosedive, dove Lacie e tutti gli abitanti del suo mondo vivono in funzione delle stelline che potrebbero ricevere dalle persone?

Immaginatevi se tutta la vostra vita gravitasse attorno a queste 5 stelline:

  • sorridereste di più?
  •  sareste gentili con chiunque?
  •  mentireste più spesso?

Il ruolo dei Social Network nelle nostre vita è diventato sempre più protagonista con il passare degli anni. Alcune ricerche dell’università di Chicago (attualissime anche se del 2012) affermano che la dipendenza dai Social può essere più forte di quella nei confronti di sigarette e alcool.

E poi c’è uno studio della Notthingham Trent University secondo cui “potrebbe essere plausibile parlare in maniera specifica di “Facebook Addiction Disorder” perché i criteri di dipendenza come l’abbandono di una vita personale, la preoccupazione mentale, l’escapismo, le esperienze che modificano l’umore, la tolleranza e il nascondere il comportamento dipendente, sembrano essere presenti in persone che usano eccessivamente i Social Network”.

Provate a cercare su un qualsiasi motore di ricerca un “Facebook Addiction Test”: investirete 5 minuti, ma ne guadagnerete in consapevolezza.

Quindi come fare per tornare ad avere una vita sociale equilibrata, un sonno regolare e un’autostima accettabile? La soluzione vi sembrerà banale, ma è molto semplice: scegliete il Digital Detox.

Quando siete a cena con fidanzati e/o amici tenete i cellulari nella borsa, possibilmente chiusa. Se non avete una borsa appendete la giacca lontana dal tavolo e lasciate il cellulare al sicuro, in una tasca interna. Non preoccupatevi se non caricate le foto delle vostre portate o non aggiornate la Rete su dove vi trovate. Sarete “nell’hic et nunc” e, miracolosamente, tornerete a vivere pienamente la vostra serata.

In viaggio potete scattare foto ricordo con il cellulare, ma non dovete costringere chi vi accompagna a percorrere decine di chilometri in cerca di una Free Wi-Fi Zone per caricarle in tempo reale. Potete godervi la vostra avventura senza bisogno dell’approvazione della Rete. Non avete nostalgia delle serate con foto e racconti di appena quindici anni fa?

Riassumendo, forse dovremmo imparare di nuovo a immergerci pienamente in quello che scegliamo di fare, senza dividerci tra vita Reale e vita Digitale, ricordandoci che la prima non possiamo esperirla due volte, la seconda, invece, è sempre li.

Se volete approfondire i temi legati alla dipendenza da internet e ai Social Media qui trovate un valido articolo con un’ampia raccolta di studi.

Photo credits: iStock