Writer’s Bloq, il social per autori. Ci mancava?

Come superare le lettere di rifiuto da parte delle case editrici

La caratteristica che maggiormente mi affascina del Web è proprio l’ipertesto, ossia le informazioni distribuite in una struttura a rete con nodi e connessioni che permette al lettore di trovarsi nella condizione di guidare e indirizzare più consapevolmente il suo atto di lettura, sfruttando l’interattività degli strumenti a disposizione.

Mi piace trascorrere interni pomeriggi a navigare nella rete scoprendo nuovi articoli, blogs e siti web. E proprio durante uno di questi miei ‘viaggi’ sono venuta a conoscere un nuovo social network dedicato agli scrittori, Writer’s Bloq, fondato da Nayia Moysidis, giovane aspirante scrittrice di New York, laureata in scrittura creativa alla Columbia University.
Fortemente frustrata dopo aver inviato circa un centinaio di lettere personalizzate ad altrettante case editrici per farsi notare come autore emergente, ed aver ricevuto solo generiche risposte negative, Nayia decide così di creare Writer’s Bloq, un grazioso social network dove gli scrittori possono pubblicare frammenti dei loro progetti e collaborare con altri esordienti.

Questo sito web è composto da due sezioni principali, una dedicata alla scrittura e un’altra alla lettura.

Per scoprire quello che altre persone hanno pubblicato si può selezionare il genere, formato, lo status (cioè se il pezzo in questione è già stato pubblicato o meno) o i tag.

È inoltre possibile leggere un articolo immediatamente o salvarlo per dopo, inviandolo al proprio Kindle. Le caratteristiche del tipico social network ci sono tutte: commenti, likes, condivisione via Facebook e Twitter, ed anche la possibilità di abbonarsi ad uno scrittore.

Lo scopo di Writer’s Bloq, sostiene la fondatrice, è quello di dare agli scrittori una migliore opportunità per attrarre gli editori, promuovendo il proprio lavoro sul sito web e ricevere feedback da colleghi, e magari anche una valutazione letteraria da parte degli esperti del settore alla ricerca di talenti emergenti.

Come ogni nuovo social network, Writer’s Bloq ha di fronte a sè una strada tutta in salita. La chiave di volta per farsi notare tra i vari siti per aspiranti scrittori sarà proprio nella sua capacità di convincere artisti, esordienti e non, ad utilizzarlo regolarmente, oltre a promuovere opere meritorie di autori non ancora famosi che, pur magari avendo pubblicato un buon libro, non riescono ad arrivare al grande pubblico.

Forse, ancora più importante di tutto questo, è il fatto che Writer’s Bloq è stato creato da una scrittrice appassionata e determinata, il cui obiettivo finale è di riuscire a pubblicare il suo primo romanzo.