Cresce l’ecosistema Twitter con 5 novità che [forse] ignori

Twitter, così come Facebook e altri social, lancia spesso novità o semplicemente testa nuove feature senza farsi troppa pubblicità, così chi non segue tutte le notizie di settore può trovarsi tagliato fuori. Per venirvi incontro, dopo Stats gratis e altre 5 novità nascoste di Twitter, oggi ve ne raccontiamo altre cinque.

Twitter è ancora un ambiente di consumo delle informazioni, non un luogo conversazionale. Un posto dove pochissimi hanno un grande seguito e la maggior parte delle persone è in relazione con piccolissimi gruppi [Vincos].

Questa piattaforma infatti si confà perfettamente alle necessità giornalistiche: è in tempo reale, raggiunge milione di persone e permette in pochi click di ottenere informazioni tanto da essere considerata una manna dal cielo per molti quotidiani e professionisti del settore, ricordate la Primavera Araba? Bhé alcune delle novità che leggerete di seguito sono funzionali a strutturare l’ecosistema Twitter:

 – Medium. Dopo Vine continua la disintermediazione, prima dai giornali ai blog, ora dai blog ai social blog senza infrastrutture, il contenuto ridotto all’osso grazie a Medium by Twitter.

Twitter Alerts. Nuovo servizio nato per informare gli utenti sulle indicazioni di agenzie governative in caso di emergenze e calamità naturali.  Per il momento non é disponibile in Italia, ma solo nei paese anglosassoni, in Europa è partito in Regno Unito e Irlanda.

Restyling. In realtà possiamo definirlo come la prima fase.

Restyling #2. Questa potrebbe essere la seconda. Vi ricorda qualcosa?

Algoritmo. A breve potrebbe partire chio che è stato annunciato qualche tempo fa: l’introduzione di language e filter level come metadati per le API. La prima individuerà il linguaggio di scrittura dei tweet, mentre il secondo segmenterà questi in quattro categorie: nessuno, basso, medio e alto. In questo modo i tweet potranno essere suddivisi per lingua e per rilevanza gerarchica tanto da far apparire sul nostro stream solo contenuti a cui verrà attribuita una maggior rilevanza, mentre per tutti gli altri si dovrà ricorrere a contenuti sponsorizzati, più o meno come accade per Facebook.

Ricordate che Twitter estende le novità in modo graduale, quindi è probabile che qualcosa non sia ancora disponibile per tutti, ma abbiate pazienza.

Infine, vi ricordo di seguirci su Facebook perché è lì che diamo questo genere di breaking news.