Twitter, 7 comandamenti per aumentare i tuoi follower [MINIGUIDE]

Non ricordo quando è successo, ma ad un tratto ho capito di amare Twitter. La cosa strana è che non è stato l’uso personale a far scattare la scintilla ma la mia attività di gestione di profili per i brand.

Come mai? Semplice: sei hai a che fare quotidianamente con le masse di fan scalmanati su Facebook, farsi una manciata di tweet al giorno è una preziosa terapia per il cuore. Twittare è infatti un’arte fine ed elegante, significa calarsi in un universo di usanze, costumi e tradizioni, parlare con un sacco di gente attiva, ricettiva ed entusiasta.

Ma come fare ad avere successo su Twitter? Ecco 7 comandamenti, 7 elementi fondanti della piattaforma su cui riflettere per migliorare il proprio twitting e accrescere la follower base. Buona lettura e fatemi sapere la vostra opinione.

1. Democrazia: “la legge è uguale per tutti”
Non importa che tu sia una multinazionale, un blogger, un meccanico o una casalinga, su Twitter tutti devono sottostare alle stringenti limitazioni della piattaforma e alla Twitterquette. Ognuno ha a disposizione i suoi 140 caratteri e pochi strumenti per comunicare con gli altri. Tutti sono follower e tutti sono following. Non esistono privilegi né distinzioni di sorta fra gli account.

2. One-to-one: “abborda gli sconosciuti”
Se Facebook è la festa dei coscritti, Twitter è il secret party a cui non sai come sei arrivato. Non conosci nessuno e devi darti da fare. Come? Followando chi condivide i tuoi stessi interessi, dosando la lusinga della menzione e del RT, rompendo il ghiaccio con conversazioni su temi di stringente attualità e soprattutto osservando le usanze e i comportamenti. Non siate timidi: Twitter è una rete aperta e pubblica, dove la privacy non è una issue rilevante.

3. Twitterquette: “onora la tradizione”
Retweet, menzioni, hashtag, #FF, trending topic, DM… se pensi di andare su Twitter per fare traffico sul tuo sito a suon di feed RSS hai sbagliato tutto, anche se sei il NYT. Prima di tutto guarda cosa fanno gli altri e segui le Twitter star: sono loro i depositari della tradizione con cui ti devi confrontare prima di lasciare il nido e iniziare a cinguettare.

4. Conversazione: “rispondi e gratifica”
Twitter è una rete fondata non sull’amicizia ma sulla comunanza di interessi, sulle news, sul real-time. Tutto vero. Ma ciò non significa affatto che non sia assolutamente cruciale conversare su Twitter, costruire e coltivare rapporti e relazioni, avere cura del singolo contatto, rispondere a tutte le sollecitazioni, dare attenzione e visibilità ai propri follower e ai loro contenuti. È un lavoro certosino, quotidiano e non banale. Ma è forse la principale chiave per accrescere il proprio network.

5. Live: “usa il tuo smartphone”
Live-twitting: non esiste modo più pratico per raccontare un evento in tempo reale. Decidi un hashtag (o scopri quello che viene usato), cerca i protagonisti dell’evento su Twitter e dacci dentro con foto e menzioni.

6. Customer Care: “onora i tuoi clienti”
Twitter è il canale perfetto per rispondere a dubbi e domande dei clienti. A differenza di Facebook le risposte possono facilmente essere veicolate attraverso due canali, uno pubblico (menzione) e uno privato (DM), e si riferiscono chiaramente e senza ambiguità alla persona che ha sollevato la questione. Le domande possono essere effettuate menzionando il vostro @account oppure attraverso un hashtag dedicato. Nel primo caso ogni domanda aumenta la visibilità del vostro account fuori dalla vostra rete attuale di follower.

7. Follow Button & co: “integra il tuo Twitter”
Fai in modo che tutti i tuoi spazi parlino di Twitter. Aggiungi un follow button sulla homepage del tuo sito, embedda il tuo stream o le ricerche tramite un hashtag rilevante per il tuo business, aggiungi lo share-on-Twitter su tutti contenuti che vuoi viralizzare. Offri contenuti attraverso la meccanica del pay-with-a-tweet. Twitter è forse il social media più leggero, flessibile e portabile in circolazione: sfrutta queste potenzialità.