La settimana social di Republic+Queen #9

Mentre scriviamo le nostre recensioni su quanto di interessante, social-mente parlando, è accaduto nell’ultima settimana, qualcuno probabilmente sta già facendo le valige. Sono i dipendenti di Gowalla, capitanati dal founder Josh Williams, che passeranno a breve dal Texas a Palo Alto. Non in un posto a caso, ma nell’headquarter di Facebook.

Poche ore fa la notizia dell’acquisizione di Gowalla è apparsa su Mashable, riportando come fonte CNN Money senza però nessun riferimento al costo dell’operazione. L’obiettivo per il nuovo team, stando alle prime indiscrezioni, sarebbe quello di lavorare a stretto giro sulla neonata Timeline.

Cosa avrà da dire Foursquare dietro le pubbliche dichiarazioni? Quel che è certo è che non perde tempo. Lanciate nei giorni scorsi infatti due features importanti: i due bottoni “Save on Foursquare” e “Follow on Foursquare” per integrare in modo sempre più stretto quello che accade nel mondo reale in quello digitale. La prima novità è indirizzata ai publishers di siti web e permetterà agli utenti, ogni volta che sono su un sito e vedono, ad esempio, un ristorante interessante, di cliccare “Save” e aggiungerlo automaticamente sulla to-do-list. Il secondo verrà integrato sempre all’interno di piattaforme web e permetterà agli utenti di seguire con un solo click una persona su Foursquare.

E anche chi non nasce social, cerca di diventarlo. YouTube fa un cambio d’abito lasciando ampi spazi di riflessione sulla nuova impostazione social-oriented, le nuove funzioni di Feed Rss, l’integrazione con Facebook e Google+ e nuovi template per i canali personali.

In casa Google spuntano invece nuove funzionalità che rendono gli Hangouts, videochat/collaborative di Google+ tra singoli utenti o con un intero Circle, virtual room più performanti. Gli Hangouts Extra avranno infatti in più uno spazio collaborativo in cui poter chiamare numeri telefonici. La notizia arriva direttamente dall’aggiornamento postato sul blog di Google+ da Jarkko Oikarinen . Per ora però siamo tagliati fuori, solo americani e canadesi possono infatti “testare” la funzione e dare i propri feedback.

L’ultima notizia farà gioire qualche sviluppatore. Facebook ha annunciato venerdi che aprirà un ufficio di engineering a New York il prossimo anno, ed ha già aperto le selezioni.

Beh, ancora qui a leggere? :)

.