Best place to work: Facebook batte Google

Facebook batte Google, anche se di una manciata di punti percentuali. La sfida non è sull’ennesima feature o l’ennesimo prodotto, ma sulla qualità che i dipendenti percepiscono della propria azienda.

[VIDEO] Best Places to Work – Employees Choice Awards

Glassdoor ha annunciato per il quarto anno consecutivo la sua classifica “Employees’ Choice Awards” per il Best Places to Work, raccogliendo le 50 aziende top votate dalle persone che varcano quotidianamente la soglia d’ingresso. I diepndenti hanno risposto al sondaggio su opportunità di carriera, comunicazione, benefits, vita lavorativa e personale oltre a molte altre informazioni sull’aria che si respira in ufficio.

Pranzi, cene, merende gratis, ogni tipo di gioco dall’analogico al digitale, lavanderia, perfino artigiani che riparano capi in pelle, fino ottime assicurazioni nel campo medico e assistenziale, eventi prestigiosi e molto altro. Con queste opportunità e utilities ai propri dipendenti, oltre chiaramente a un ambiente di business stimolante (per essere eufemici), Facebook si e’ guadagnata un terzo posto, e dei dipendenti che si dicono “Very satisfied”. Di Google invece, un paio di gradini più in basso, le persone si dicono “Satisfied”.

Fin qui, tutto ordinario. Scendendo ancora, sotto la catena di grocery Trader’s Joe, troviamo Apple. Forse questa non ce l’aspettavamo.

.