Facebook ha cambiato l’edgerank e non solo

Lo scorso 13 Giugno tutte le Pagine sono state aggiornate a un nuovo formato grafico, poco dopo Facebook ha introdotto i Mobile Analytics per monitorare i risultati del nostro lavoro tramite l’App Pagine, poi è stata la volta dei video in auto-play e infine è stata la volta del nuovo sistema di pianificazione pubblicitaria e la targhettizzazione più precisa. So cosa state pensando, non si riesce a stargli dietro. Per questo ne raccolgo un po’ alla volta, li metto da parte e, sperando di fare cosa utile, le condivido con voi.

Come sempre vi ricordo che le novità che leggerete sotto, in alcuni casi sono state già introdotte, mentre in altre sono solo in fase di sperimentazione e potrebbero non apparire mai su vasta scala.

Pagine

– C’è la possibilità di sponsorizzare un evento.

– Introduzione di nuove statistiche funzionali ai gestori di Pagine per capire le performance dei video pubblicati.

– Secondo Re/code, Facebook è pronta a lanciare la propria piattaforma pubblicitaria, estendendola di fuori del social network. Inizia la guerra ad Apple [iAd], Google [Adsense e AdMob] e Yahoo?

 Utenti

– Eliminazione della chat sull’app iOS lasciando Messenger come unica alternativa.

– Facebook sta sviluppando una nuova funzione che permetterà di effettuare acquisti direttamente tramite sito o app. La funzione è in fase test ed è limitata a poche piccole e medie aziende degli Stati Uniti.

– In fase di lancio la possibilità di salvare i post che non abbiamo il tempo di leggere.

– Pronta la funzione “Mostra aggiornamenti non letti“.

Edgerank

– I video più rilevanti appariranno con maggiore frequenza e in una posizione di rilievo nel News Feed degli utenti.

– Sono penalizzati i post automatici come quelli di Spotify, Shazam, ecc.

– I post contenenti link “acchiappa-click”, o “click-baiting“, saranno penalizzati dalla piattaforma. Post come “Incredibile, non crederai mai a cos’è successo a questo signore!” saranno fortemente penalizzati.

– Saranno penalizzati i link condivisi senza url e premiati quelli condivisi con il formato tipico dei link così persone possono essere in grado di capire se si sta seguendo un link interessante o meno già dalla url.

– Nell’algoritmo di Edgerank entreranno le varibili: tempo di permanenza delle persone sui post che puntano fuori da Facebook e le interazioni con il contenuto, dopo aver cliccato il link.

Per il momento è tutto, se non volete perdervi le ultime novità seguiteci su Facebook perché è lì che diamo le breaking news.

I precedenti post riassuntivi delle ultime novità:

Read it later e altre 10 piccole novità di Facebook;

Il Page To Watch e altre 15 novità nascoste di Facebook;

Facebook Paper e altre 7 novità che probabilmente ignori.