Marketing Reflex, culture jamming, spoof e fake [EBOOK]

Marketing Reflex è un ebook scaricabile gratuitamente attraverso condivisione Twitter, Facebook o LinkedIn [Pay per Tweet, Cos’è?].
In 16 pagine ho cercato di raccontare il culture jamming, ovvero le radici culturali del marketing non convenzionale, con una parte dedicata alla teoria e molte cases history di video spoof, fake e banned.

Questo testo è tratto dall’introduzione:

“Phineas Taylor Barnum era un circense statunitense vissuto nell’800.

Barnum è stato il primo ad applicare consapevolmente tecniche di pubblicità non convenzionale allo scopo di attrarre spettatori al Ringling Bros. and Barnum & Bailey Circus, anche e soprattutto, attraverso la diffusione di notizie fasulle.

Nel suo celebre circo ognuno poteva trovare qualcosa di divertente perché i numeri e le attrazioni erano talmente vari che c’era davvero l’imbarazzo della scelta. Nel 1835 presentò una donna, Joyce Heth, come la ex nutrice del presidente George Washington, ancora in buona forma nonostante i suoi 161 anni dichiarati. Tra le altre sue attrazioni lo scheletro di Cristoforo Colombo e la sirena della isole Figi, mezza scimmia e mezzo delfino, le foche letterate che sapevano leggere, il cane tessitore che faceva funzionare un telaio, Chang ed Eng i gemelli siamesi e l’immancabile donna cannone specialmente sensazionale in quegli anni di fame.

Il principio era semplice, trovare persone “particolari”, magari scovate in qualche angolo del mondo, ed esporle al pubblico raccontando una buona dose si falsità sulle loro origini in modo da farle apparire come casi unici ed eccezionali. Insomma, ne più ne meno dei freakshow raccontati da David Lynch in Elephant Man.

Oggi Internet è un grande circo Barnum, dove però la visibilità va conquistata attraverso gli elementi fuori dal comune, veri o finti che siano spesso non ha importanza, è il passaparola che ne determina il successo”.

Scaricalo gratuitamente ora.

  • In effetti Internet è davvero un grande circo, un caleidoscopio di pensieri e di emozioni.. complimenti per l’incipit. se il buondì si vide dal mattino l’ebook promette molto bene.

  • “Oggi Internet è un grande circo Barnum, dove però la visibilità va conquistata attraverso gli elementi fuori dal comune, veri o finti che siano spesso non ha importanza, è il passaparola che ne determina il successo.” a me questa chiusa non piace, sorry. aspetto il pdf, poi ne farò un tweet :)

  • Il tema mi interessa, ma non potrei mai suggerire qualcosa che non ho ancora letto.

    “Elementi fuori dal comune. Veri o finti che siano spesso non ha importanza”
    L’originalità e la creatività sono essenziali sulla Rete. Ma il fine non giustifica i mezzi e la “finzione”, che tanto funziona su altri media, sulla Rete nel lungo termine si rivela un boomerang.

    • Se non ti piace il “Pay per Tweet” scrivimi in privato e ti mando l’ebook in un altro modo. Poi dopo averlo letto ne parliamo :)

  • Ciao Andrea ho dato una rapida occhiata, molto belle le immagini!
    Conto di leggerlo nei prossimi giorni! Grazie dello sharing

    • Ok il primo approccio è quello che conta :)
      Fammi sapere che te ne pare dopo una lettura più approfondita.

  • Bel “prodotto” Andrea, ottima scelta anche la modalità di propagazione PpT.

  • Ho apprezzato molto l’interessante e innovativa modalità di propagazione dei contenuti (Tra l’altro ho anche ordinato il libro Thank you economy per capire meglio la filosofia pay per tweet). Ben impaginato leggibile e usabile. Quanto a stile e contenuti, ci sono pillole interessanti e succose. Magari scrollarsi di dosso un po’ di retaggi underground e la prosopopea di Luther Blisset aiuterebbe a renderlo più fruibile. E’ solo una mia questione di gusto personale. Grande lavoro! Grazie

    • Grazie Diego,
      per quanto riguarda l’underground e il progetto Luther Blisset è praticamente d’obbligo quando si cerca di raccontare il contesto e le radici culturali da cui nasce il guerrilla marketing & co..soprattutto per chi non ne ha mai sentito parlare.
      Non credi?!

  • Pingback: Traffico al sito, conviene ancora investire su Facebook? » Kleis Communication Technologies()