Come pubblicare foto coperte da Copyright su Social e Blog [MINIGUIDA]

Se avete un sito, un blog, una fan page che gestite per conto di un brand, vi sarà sicuramente capitato di trovarvi di fronte ad un’immagine che avreste tanto voluto utilizzare, ma la mancanza di indicazioni precise in materia di Copyright vi ha fatto desistere.

Ebbene, il senso di questo post è proprio quello di fare un po’ di chiarezza in materia, senza avere la presunzione di dettare legge, visto che la legislazione in materia è ancora incompleta. Molte leggi, infatti, non sono ancora aggiornate al mondo digitale, ma fanno riferimento ai media tradizionali (foto, giornali, libri, ecc.). Quindi, in generale, valgono le regole generiche per il diritto d’autore.

Ma come comportarsi, visto che in rete si è consolidata l’abitudine di poter utilizzare miniature (ovvero versioni ridotte e/o di qualità ridotta) e rendere più facilmente identificabili la fonte grazie all’utilizzo del link?

Questa metodologia, utilizzata da Google, Facebook, Twitter e dalla maggior parte dei social networks e degli aggregatori, permette una più rapida identificazione della fonte, a tutto vantaggio della risorsa linkata e senza che nulla venga sottratto al legittimo proprietario: l’immagine è infatti essa stessa link, e non vi può essere dubbio sulla paternità.

Ma scendendo nel particolare, ecco cosa dice la legge in merito:

In questo scenario, nel dicembre 2011 è stata approvata una modifica alla Legge italiana sul diritto d’autore (633/1941), che prevede l’introduzione del comma 1 bis all’articolo 70.

La nuova norma recita:

È consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro.

In pratica si è stabilito che nell’era digitale, pubblicare l’immagine di un’opera, con scopi didattico-informativi, citando la fonte non lede il diritto d’autore.

E’ questo il risultato dell’aver buttato un occhio oltre oceano per vedere come negli Stati Uniti, stessero trattando la materia ebbene, si è visto che esiste il concetto di fair use che, poco dopo, è stato recepito da una direttiva europea.

Nell’aprile 2007, il Parlamento europeo ha votato in seduta plenaria una relazione che accoglie la proposta della Commissione di una nuova direttiva sul diritto d’autore – Ipred2 – e, nello stesso tempo, introduce una serie di emendamenti.
 Uno, in particolare, ricalcato sostanzialmente sul fair use statunitense, stabilisce che la riproduzione in copie o su supporto audio o con qualsiasi altro mezzo, a fini di critica, recensione, informazione, insegnamento (compresa la produzione di copie multiple per l’uso in classe), studio o ricerca, «non debba essere qualificato come reato».

In particolare è stato redatto il Decreto Ministeriale Comma 1 bis, articolo 70, legge 633/1941 che estende il comma 1 bis e in particolare definisce che:

Non concorre a costituire il fine di lucro di cui al comma 1 bis dell’art. 70, legge 21 aprile 1941, n. 633, l’eventuale ricorso da parte del soggetto pubblicante o del fornitore della piattaforma a forme di rimborso degli oneri di manutenzione e pubblicazione, quali, a titolo esemplificativo, l’apposizione di banner o l’iscrizione in circuiti pubblicitari, quando la pubblicazione delle opere protette sia accessoria ai contenuti resi disponibili.

Tutto chiaro? Spero di avervi aiutato ;)

  • E quando si tratta di una fanpage di un azienda/brand come ci si comporta? Un brand potrebbe appellarsi a non meglio precisati “scopi informativi”

    • Ciao Daniele, in realtà nel post si farà proprio riferimento alla gestione di fan page per conto di un brand :-)
      Faccio un esempio. Se pubblichi un post che funga da ingaggio per gli utenti e non mera pubblicità per il prodotto/servizio del brand proprietrio della fan page, puoi utilizzare un’immagine seguendo i criteri esposti nel post. Spero di esserti stata utile :-)

  • se posso chiedere: quindi supponiamo che io prendo una foto in cui sono ritratto durante un evento pubblico, presa da un sito professionale che ne ha il copyright, e la metto sulla mia pagina web lasciando l’indicazione da dove l’ho presa, posso farlo?

    • marianna colantoni

      Ciao mjolneer, come specificato nel post

      “È consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro. ”

      Se l’utilizzo dell’immagine non ha fini di lucro dunque, ma semplicemente informativi (es. attraverso l’immagine vuoi evidenziare che tu eri presente a quel determinato evento pubblico) ne citi la fonte e, se c’è, anche il nome del fotografo owner dello scatto, non vedo grosse criticità.

      Spero di esserti stata utile :-)