Il potenziale della tua startup comincia dal Brand

Quando si mette su la propria startup si lavora spesso giorno e notte e si è attanagliati da dubbi e preoccupazioni. Fare il fatidico ‘salto’ non è semplice e le implicazioni finanziarie hanno sovente la priorità: riuscirò a pagare l’affitto questo mese? Quante vendite abbiamo concluso questa settimana? Ma soprattutto: come riuscire ad attrarre investitori?

Certamente non bisogna sminuire l’importanza di stare con i piedi per terra quando si vuole concretizzare il proprio sogno, ma il successo del proprio business non può e non deve essere misurato esclusivamente in base al numero di vendite e profitti. Un’altra metrica deve avere valore e questa metrica è il tuo brand. Perché? Ecco 5 ragioni per cui il tuo brand è importante:

1. I brand cambiano le attitudini delle persone e il loro umore. Esempio: Horlicks è una bevanda che nel Regno Unito è bevuta prima di andare a letto per conciliare il sonno, in India è invece consumata al mattino per una dose extra di energia.

2. I brand diventano parte del vocabolario comune. Esempio: nella lingua inglese ‘Google’ è il verbo che viene comunemente usato per indicare l’azione di cercare fatti e cose online.

3. I brand cambiano la cultura. Esempio: Coca Cola ha completamente reinventato il Natale, adattando le tradizioni teutoniche (e di impronta cattolica) di Saint Nikolaus.

4. I brand non hanno barriere. Esempio: Virgin è un marchio che vende di tutto, da telefonia ed internet a voli intercontinentali e vacanze, passando per lo spazio e bibite frizzanti.

5. I brand creano comunità. Esempio: Gli appassionati guidatori di moto Harley Davidson organizzano spesso raduni e creano amicizie basate sullo stesso hobby.

Se la tua startup non ha già dei forti profitti, pur essendo stata accolta positivamente, ciò non significa che ogni speranza è persa. Una startup alla ricerca di investitori vende soprattutto il proprio potenziale.

Se il brand è forte, memorabile e ha creato abbastanza ‘buzz’, è certamente qualcosa da includere nel tuo business plan e depliant per futuri investitori. Li aiuterà a capire cosa potrà diventare in futuro e se c’è abbastanza trazione e richiesta per far sì che la tua startup non sia un altro fallimento.

È inoltre è un’altra ragione per lanciare al pubblico il tuo MVP (Minum Viable Product) senza aspettare di perfezionarlo all’impossibile: testa le acque, suscita abbastanza interesse e tieni un resoconto [scarica la nostra guida gratuita su come narrare e promuovere la tua startup].

Ma come riuscire a misurare il valore di un brand? E più precisamente, come riuscirvi senza spendere una fortuna? Vi basterà leggere il prossimo post per scoprirlo.

[I contenuti di questo articolo sono apparsi precedentemente nella presentazione di Matter of Form alla conferenza Measurefest. Sono stati qui tradotti per il pubblico italiano].

  • Ci fosse un link che funzioni :(

  • Antonio Cavallucci

    ma scusa che senso ha in un articolo sulle start-up parlare di brand come Google e Coca-Cola… giganti insomma….?? bello il sito cmq