Crowdfounding, raccogliere fondi per startup

Mario Fontana, Startup Mentor e Responsabile di BizSpark l’accelleratore Microsoft in Italia, definisce una startup come “l’unione tra creatività e determinazione tale da favorire la creazione di un nuovo business scalabile e profittevole”.

Oltre la teoria, la cosa più difficile da fare dopo aver trovato la big idea sarà raccogliere i fondi necessari a partire. Ne aveva parlato Viviana Ramazzotti nel post Crowdfunding: quando la finanza è social dicendo che:

Il sistema di micro-finanziamenti collaborativi trova nei media sociali il proprio punto di forza e un ideale canale di amplificazione.

Certo i social sono un potente mezzo di comunicazione, ma difficilmente riuscireste a trovare fondi senza un progetto di raccolta più strutturato.

Così diventa determinante sapere come lanciare una campagna di raccolta fondi, indipendentemente dal vostro settore prescelto, e conoscere i segreti per catturare l’attenzione di media e convincere i fan a sostenere la vostra iniziativa.

A questo proposito è da poco disponibile in download gratuito l’ebook The Crowfounding Bible [inglese, qui in pdf o qui la versione Kindle Amazon], la guida più completa al mondo per la raccolta di fondi online.

Un libro molto famoso, scritto da crowdfunders di successo per novelli makers, definito da Tim Stevens, Editor-in-Chief di Engadget, “il riferimento ideale per aiutarvi a navigare nelle acque sempre più complesse del crowdfunding”.

In ultimo ricordiamoci che una ulteriore spinta la danno i buoni contatti. Salvatevi il post di Gianluca Dettori I primi 100 (e più) contatti indispensabili per chi vuole fare startup in Italia è il consiglio più grande che potete trovare in Rete ;)